NODI DA SCIOGLIERE

Il ruolo educativo: dalla confusione alla complessità che arricchisce

 

  • Accreditato dall’Ufficio Scolastico Regionale, ambito territoriale di Parma; nodi
  • inserito tra i corsi che rientrano nella direttiva 170/2016; 
  • valido per la formazione del personale docente per l’a.s. 2018-19 prevista dalla vigente normativa

Il ruolo professionale degli insegnanti è complesso: non hanno soltanto il compito di aiutare i più giovani ad acquisire strumenti e contenuti, ma anche di accompagnarli a diventare persone competenti di sé. Nella nostra epoca gli insegnanti spesso vivono e giustamente lamentano un mancato riconoscimento del proprio ruolo: da parte dei genitori, da parte degli alunni, e talvolta da parte della stessa Istituzione scolastica.Tutto questo può far sentire confusi e privi di punti di riferimento all’ interno di una complessità crescente difficile da vivere. Questa situazione genera talvolta frustrazione e senso di impotenza che impediscono di immaginare scenari possibili per continuare a esercitare efficacemente il proprio ruolo educativo.

nodi2

Noi crediamo però che la sfida educativa sia ancora possibile.

Ormai da anni Il Ruolo Terapeutico di Parma propone, proprio per ragionare insieme su queste tematiche, momenti di incontro, confronto e discussione con il mondo della scuola a partire dagli insegnanti e dagli interrogativi che li muovono.

La nostra proposta formativa si basa principalmente su incontri in piccolo gruppo, coordinato da una psicoterapeuta ad indirizzo relazionale, dove ciascuno possa portare situazioni di difficoltà nell’esercitare il proprio ruolo educativo. All’interno del gruppo è possibile ragionare insieme sui nodi incontrati, far spazio alle emozioni che essi generano e immaginare alternative possibili. Un’ulteriore ricchezza della situazione di gruppo è data dal confronto con colleghi provenienti da esperienze diverse e dunque con la possibilità di una maggiore distanza dalla situazione raccontata. Nel percorso formativo proposto, è possibile confrontarsi su situazioni che riguardano tutti gli aspetti del proprio ruolo professionale: le relazioni con gli alunni, con il gruppo classe, con i colleghi, con l’istituzione e con i genitori.

Il corso è rivolto a insegnanti di ogni ordine e scuola, sia per favorire un confronto il più possibile vario e ricco di punti di vista, sia per tenere insieme la linearità e la circolarità dei processi di crescita.

nodi3

PROGRAMMA DEL CORSO

Il corso comprende tre momenti teorici e 4 incontri di gruppo con studi di caso (2 moduli di 75 minuti  per ognuno). Gli incontri di gruppo saranno condotti dalla dr.ssa Carolina Gandolfi e dalla dr.ssa Chiara Davoli, psicoterapeute di formazione analitica.

Incontri teorici:

11/10/2018 ore 18.00 – 20.30 “BUSSOLE PER NAVIGANTI. Ripensare la rotta del ruolo educativo tra secche e tempeste” Relazione e dibattito a cura delle dott.sse Carolina Gandolfi, Chiara Davoli e Georgia De Biasi, formatrici del corso ed è rivolto ai docenti di tutte le scuole, a libera iscrizione da parte degli insegnanti, comprensivo di un momento finale conviviale per favorire un più libero e naturale scambio di opinioni e conoscenza.

12/02/2019 ore 17.00-20.00 “EDUCARE: UNA ESPERIENZA DI SOGLIA” L’incontro sarà condotto dal Prof. Ivo Lizzola, docente di Pedagogia presso l’Università di Bergamo

22/05/2019 ore 18.00 – 20.30 “APPRODI. CONSIDERAZIONI FINALI CON UNO SGUARDO AL DIVENIRE” Relazione e dibattito a cura delle formatrici del corso sul lavoro svolto in gruppo e verifica delle competenze attese.

Incontri di gruppo 

  • Martedì 4 dicembre 2018 ore 17-20
  • Martedì 29 gennaio 2019 ore 17-20
  • Martedì 19 marzo 2019 ore 17-20
  • Martedì 7 maggio 2019 ore 17-20

Contributo spese di organizzazione per l’intero corso: 160 euro a partecipante (E’ possibile usufruire della Card del Docente)

Sede del corso: Il Ruolo Terapeutico di Parma - v.le Duca Alessandro, 50 Parma

Info: Dr.ssa Carolina Gandolfi – carolinagandolfi79@gmail.com – Tel. 339/7487426

Archiviato in Percorsi Formativi, Scuole | Parole chiave .